Il Burkina Faso è uno degli Stati più poveri del Mondo, trovandosi in piena Africa, senza sbocchi al mare e con un clima tropicale che rende difficoltosa l’agricoltura. abitanti sono circa 15 milioni, per lo più concentrati nelle zone del Sud, dove le piogge sono più abbondanti e che sono più vicine alla Costa d’Avorio, dove molti migrano in cerca di lavoro. Quello dell’emigrazione è uno dei fenomeni del Paese, che stenta a trovare i mezzi per auto-sostenersi, nonostante la crescita dell’attività estrattiva mineraria (rame, ferro), per lo più finanziata dagli aiuti Internazionali.

L’ ORFANOTROFIO “LES SAINTS INNOCENTS” DI GUILOUNGOU
Guiloungou  è un piccolo villaggio situate nella provincia di Kubritenga il cui capoluogo è Ziniarè. Piccola città a 35 Km dalla capitale del Burkina Faso, Ouagadougou. E’ in questo piccolo villaggio che è nato l’orfanotrofio “Les  Saints Innocents”, il 2 giugno 2002.
Il primo nucleo comprendeva una trentina di bambini da 0 a 12 anni due suore e cinque nutrici.
Attualmente nell’orfanotrofio sono ospitati più di 90 bimbi orfani, 7 suore e 16 nutrici; nell’orfanotrofio vengono accolti bambini orfani di madre, di padre o di entrambi, essi arrivano spesso malati e malnutriti.
Le spese per  sostenerli, curarli e scolarizzarli sono in continuo aumento e questo è fonte di preoccupazione in quanto la maggior parte del sostentamento è legato agli aiuti provenienti dall’Europa. Noi come associazione vogliamo cercare tutte le strade e tutte le risorse per poter dare a questi bimbi sfortunati una prospettiva di  vita dignitosa  ed un poco di gioia e quindi e’ in questo orfanotrofio e di conseguenza nel vicino villaggio che si è concentrato il nosto aiuto

NIASSAN
A partire dal 2013 La nostra Associazione ha deciso di sostenere Suor Veronique fondatrice dell’Orfanotrofio L.S.I nella nuova sede missionaria di Niassan.
Niassan è un villaggio molto povero, dove mancano anche i principali mezzi di sostentamento e dove c’è un altissimo tasso di analfabetismo.
In particolare, Suor Veronique ha pensato di operare attraverso il sistema del “micro-credito”,  che consiste nella concessione di piccoli prestiti (circa € 50,00 a persona) alle donne di Niassan, per consentire loro di iniziare piccole attività commerciali (es. vendita di ortaggi), con il cui ricavato potranno sostenere le loro famiglie e consentire ai loro figli di andare a scuola.